Italy : Vetriolo Anarchist paper, issue 2, autumn 2018 en/it/

Actforfree: received and translated from Italian to English:


It’s been a long while. After a year we are publishing another issue of Vetriolo, issue number 2. We haven’t brought out the paper more frequently up to now, nor have we wanted to. Not that we didn’t have anything to say during this time, on the contrary. However we have never strenuously followed the possibility of giving a strict periodicity to the publication, which because of its form (with fairly concise texts of agitation, analysis and topicality as well as more extensive and complicated theoretical articles) is not suited to it. At the same time we’d like the paper to come out without long delays. In any case we think that this paper is an important instrument for the anarchist movement regardless of the frequency with which it comes out. The pages of Vetriolo have always been and will continue to be a means aimed at discussion, dialogue and confrontation among anarchists. The paper will continue to give time and space to dialogue and debate among revolutionaries, including those who find themselves imprisoned. In this issue there are writings and articles by Marco, Anna and Alfredo, imprisoned following the arrests of the repressive operation ‘scripta manent’ of 6th September 2016.
Anarchists have always appropriated instruments to nourish anarchist ideas and anarchism itself with discussions and actions. In this paper we will try to continue to give space and time to debate, polemics, reflexion, study and analysis. We won’t tire of repeating it; these are aspects that we consider distant from chatter, sterile opposition, commonplaces and hassles, which we believe afflict certain contexts of the anarchist movement. In this respect, the paper will never be representative of some special faction, ‘trend’ or line to be followed or complied with. We have no thoughts to be contemplated or flags to be waved. On the contrary we have the awareness of a clear difference in certain of our convictions compared to those of others. We are aware of the fact that renouncing anarchism means renouncing all revolutionary and subversive possibilities. We have the will and the intention to banish all forms of petty superficiality.
It seems that today those who content themselves with assimilating facts and notions that are easily memorized and shared are many. So many objective immediate things. Nothing too complicated, and very little to reflect upon. There are those who praise real and proper ‘ignorance’ and reject ‘theory’ as something out of place, boring, of secondary importance. Something authoritarian even. In fact, not by chance, you can happen to be told that you want to ‘rip off’ and deceive someone merely by exposing and expressing your ideas. Revolutionary ignorance? Certainly not. This kind of misery is typical of those who can’t perceive the complementarity between thought and action. We’d like this paper not to be ‘used’ passively, we’d like thought not to remain crystalized between the lines and columns of a publication, but animate the discussions going on among anarchists, to contribute to the clarification of intents and perspectives and give space to the various aspects of the antiauthoritarian struggle against power. Precisely for this reason we are calling on comrades who might be interested in taking on the circulation of the paper in their own areas as widely as possible, and we also invite them to send us reflexions and criticisms.

We know it is an ambitious project. This paper includes ideas but not as a mere container. It has the claim of wanting to explore the various ‘threads’ of reading, analysis and reflections that are developed and examined by and by. Therefore we won’t limit ourselves to setting them out and composing them in each issue of the paper. Moreover a good part of the texts are aimed specifically for this publication and were created as such, so have a specific meaning in this project. Each time we will analyse questions, thoughts and ideas that we think are important, necessary and impellent, and along with them we intend to proceed in understanding the reality around us. We have this obstinacy, this kind of stubbornness that we don’t want to renounce. And wanting to understand is not necessarily the same as wanting to be understood by everybody.
In particular in this issue we ‘discovered’ a spontaneous ‘conspiracy’ between the most important editors’ articles in respect to the topic of the interpretation to be given to the ongoing technological revolution. Alfredo Cospito talked about that in his interview, of which we have published the first part and which we will circulate further in the coming months; we faced it from a philosophical point of view concerning the ‘theoretical status’ (not) to be given to the concept of Nature, by criticizing metaphysical misunderstandings within eco movements; we also took it from an historical point of view, in the article dedicated to the birth of the State; and in the transition between so-called Bronze Age and Iron Age we identified the historical moment when authoritarian society implemented its military structure and the division of labour it required. But we didn’t stop at theory; we ‘dared’ interpretations we believe are fundamental to understanding the current times. As in the previous issue, we have observed the social crisis which new technologies are seen to inflict on the poorest classes of humanity (starting from the employment question, a real taboo for anarchist reflection in recent years), and this time we went even further: we suggested that new technologies are directly linked to so-called ‘crisis of globalization’ (why exploit a child in Vietnam when the bosses will be able to ‘print’ shoes directly with 3D printers?) and that phenomena such as Brexit, Trump, Orban, Salvini, etc., are the results of an historical trend towards a new robotic nationalism.
In other words general theoretical analyses meant to seize instruments adequate to the attack on the actual world. For, upturning the slogan which belonged to the no global: ‘another world is impossible, it is this one that we have to fight against’. So there’s much talk about elasticity, flexibility, the ability to be understood by others, happiness in adapting to the running times (but where are these times going if they’re running?) Often when you mention elasticity you imply the art of compromise, and for understanding you imply the art of negotiation. And for many this means being flexible, which also means becoming adaptable, malleable, kin to being manipulated and at the same time incredibly rigid. For in a certain sense the world got us accustomed to being rigid, of a rigidity which led to having blinkers and chains well planted in our heads. But why should elasticity and flexibility always be the same as compromise and negotiation with a reality that disgusts us? We think we can go further. Ours is the elasticity of a sling, a flexibility that aims to strike harder. Precisely for this reason we reflect, analyse and study the State, capital, science, technology, the economy, the misery of politics and the outcomes of the revolutionary movement. Certainly not to amuse ourselves or to find a hole for future collocation.
In this issue:
Elastic like a sling
2007 – 2017. Ten years of revolts and refluxes
Parallel convergences. A contribution by Marco from the prison in Alessandria
From the popular from to the civil front
24-hour monoculture
The whole truth…
Considerations on the cages of democracy
The unbearable dullness of being scientific
Dreams of captivity and captivity of dreams
Infinite eyes
Rapist and boss
Against State anarchism
The birth of the State
What international? Interview and dialogue with Alfredo Cospito from the prison of Ferrara. Part one The New monsters: ‘social but not class’ anarchism, A leftist story. Part two: (1943 – 1962)
The fun has ended
2 euros per copy; for distributors, starting from five copies, 1.50 euros per copy. Postal fees: 1.30 euro (up to 2 kg). Postal fees in Europe: 5 euros approximately. Free for prisoners.
For orders, contacts, reflections and criticism and to send potentially interesting material to the editors, write to: vetriolo@autistici.org

Vetriolo – Giornale anarchico – Numero 2 – Autunno 2018
E’ passato del tempo. Dopo un anno pubblichiamo un numero di Vetriolo, il numero 2. Fino ad ora non abbiamo dato al giornale una periodicità più assidua e nemmeno lo abbiamo voluto. Non che in questo tempo non avessimo avuto qualcosa da dire, anzi. D’altronde non abbiamo mai strenuamente inseguito la possibilità di dare una periodicità molto stretta alla pubblicazione, che per la propria forma (sia con testi di agitazione, d’analisi e di “attualità” più o meno brevi e concisi, sia con articoli teorici più estesi e complicati) non vi si addice. Allo stesso tempo desideriamo fare uscire il giornale in tempi non troppo dilatati. Comunque pensiamo che questo giornale sia uno strumento importante per il movimento anarchico aldilà dei tempi con cui riesce ad uscire. Le pagine di Vetriolo sono sempre state e continueranno ad essere un mezzo destinato alla discussione, al confronto e allo scontro tra anarchici. Questo giornale continuerà a dare spazio e tempo al dialogo e al dibattito tra rivoluzionari, anche a quelli che si trovano ad essere imprigionati. In questo numero vi sono alcuni scritti e articoli di Marco, Anna e Alfredo, imprigionati a seguito degli arresti per l’operazione repressiva “scripta manent” del 6 settembre 2016.
Gli anarchici si sono sempre appropriati di strumenti per alimentare, col dibattito e le azioni, le idee anarchiche e l’anarchismo stesso. Su questo giornale si cercherà di continuare a dare dello spazio e del tempo per il dibattito, la polemica, la riflessione, l’approfondimento, l’analisi. Non ci stancheremo di ripeterlo, si tratta di aspetti che riteniamo ben distanti e differenti dalle chiacchere, dalle sterili opposizioni, dai luoghi comuni e dalle beghe che, a nostro avviso, affliggono alcuni contesti del movimento anarchico. In quest’ottica, questo giornale non sarà mai rappresentativo, soprattutto di una qualche fazione, “tendenza” o linea da seguire o cui attenersi. Non abbiamo pensieri da contemplare, personaggi da ammirare e nemmeno bandiere da sventolare. Abbiamo, invece, la coscienza della netta differenza di determinate convinzioni nostre rispetto ad altre. Abbiamo la consapevolezza che la rinuncia dell’anarchismo significa la rinuncia di ogni possibilità rivoluzionaria e sovvertitrice. Abbiamo la volontà e l’intenzione di mettere al bando ogni gretta superficialità.
Oggi pare che, in tanti, sempre più, ci accontentiamo di assimilare fatti e nozioni facilmente memorizzabili e condivisibili. Le beneamate cose oggettive, immediate. Nulla di così complicato, e ben poco su cui poter riflettere. C’è chi esalta una vera e propria ignoranza, rigettando “la teoria” come qualche cosa di inopportuno, di noioso, di secondario. Perfino come qualcosa di autoritario. Difatti, non a caso, può capitare di sentirsi dire di “voler fregare” e ingannare qualcuno solo esponendo ed esprimendo le proprie idee. Ignoranza rivoluzionaria? Certo che no. Queste miserie sono tipiche di chi non riesce a percepire come complementari il pensiero e l’azione. Desideriamo che questo giornale non venga “fruito” passivamente, che il pensiero non resti cristallizato tra le righe e le colonne di una pubblicazione, ma che possa animare i dibattiti esistenti tra anarchici, contribuendo alla chiarificazione di intenti e prospettive, dando spazio ai vari aspetti della lotta antiautoritaria contro il potere. Proprio per questo invitiamo i compagni interessati a farsi carico della diffusione del giornale nei propri luoghi e in maniera più ampia possibile, e invitiamo anche a fare pervenire riflessioni e critiche.
Sappiamo che si tratta di un progetto ambizioso. Questo giornale raccoglie dei pensieri, ma non li raccoglie come un semplice contenitore. Ha la pretesa di volere esplorare svariati “fili” di lettura, di analisi e di riflessione che, di volta in volta, vengono approfonditi e sviscerati. Per cui, per ogni numero, non ci limitiamo a raccogliere dei testi, degli articoli, a metterli in fila e a comporli nel giornale. Inoltre una buona parte dei testi sono destinati e ideati specificatamente per questa pubblicazione, hanno un preciso significato in questo progetto. Ogni volta torniamo ad analizzare delle questioni, dei pensieri e delle idee che riteniamo importanti, necessarie o impellenti, e con queste intendiamo anche procedere nella comprensione della realtà che ci circonda. Abbiamo questa ostinazione, questa sorta di ottusità cui non vogliamo rinunciare. E voler comprendere non è, necessariamente, sinonimo di volere essere comprensibili per chiunque.
In particolare in questo numero abbiamo “scoperto” una spontanea “cospirazione” fra i principali articoli redazionali verso il tema dell’interpretazione da dare alla rivoluzione tecnologica in corso. Ne ha parlato Alfredo Cospito nella sua intervista, di cui abbiamo pubblicato la prima parte e che finiremo di divulgare nei prossimi mesi; l’abbiamo affrontata dal punto di vista filosofico dello “statuto teorico” da (non) dare al concetto di Natura, criticando i fraintendimenti metafisici all’interno dei movimenti ambientalisti; l’abbiamo ripreso anche da un punto di vista storico, sull’articolo dedicato alla nascita dello Stato, individuando nella transizione tra la cosiddetta Età del Bronzo e l’Età del Ferro il momento storico nel quale le società autoritarie implementano la loro struttura militare e la divisione del lavoro ad essa necessaria. Ma non ci siamo fermati alla teoria, abbiamo “osato” interpretazioni a nostro avviso fondamentali per comprendere l’attualità. Come nel numero precedente avevamo osservato la crisi sociale che le nuove tecnologie avrebbe recato alle classi più povere dell’umanità (a partire dal tema occupazionale, vero e proprio tabù per la riflessione anarchica degli ultimi anni), questa volta ci siamo spinti ancora oltre: abbiamo ipotizzato che le nuove tecnologie siano direttamente correlate con la cosiddetta “crisi della globalizzazione” (perché sfruttare un bambino in Vietnam, quando i padroni potranno “stamparsi” le scarpe direttamente con le stampanti 3D?) e che fenomeni come la Brexit, Trump, Orban, Salvini, ecc., siano il prodotto di questa tendenza storica verso un nuovo nazionalismo robotico.
Insomma analisi teoriche generali per afferrare gli strumenti idonei per l’attacco al mondo reale. Perché, rovesciando lo slogan che fu dei no global, “un altro mondo è impossibile, è questo che dobbiamo combattere”. Dunque si fa un gran parlare di elasticità, flessibilità, capacità di essere comprensibili dagli altri, felicità nell’adeguarsi ai tempi che corrono (ma dove vanno se corrono?). Spesso riferendosi all’elasticità si sottende l’arte del compromesso, e alla comprensibilità l’arte della mediazione. E per molti ciò significa essere flessibili, il che vuol dire anche divenire duttili, malleabili, manipolabili e allo stesso tempo incredibilmente rigidi. Perché questo mondo, in un certo senso, ci ha abituati ad essere rigidi, di una rigidità che porta ad avere i paraocchi e le catene ben piantate nella testa. Ma perché elasticità e flessibilità devono sempre, per forza, essere sinonimi di compromesso e mediazione con una realtà che ci disgusta? Pensiamo che si possa andare oltre. La nostra è l’elasticità della fionda, una flessibilità tesa a colpire più forte. Proprio per questo riflettiamo, analizziamo e studiamo lo Stato, il capitale, la scienza, la tecnologia, l’economia, le miserie della politica, le sorti del movimento rivoluzionario. Non certo per diletto, non certo per trovare un pertugio per un futuro collocamento.
All’interno:
Elastici come una fionda
2007 – 2017. Dieci anni, fra rivolte e riflussi
Convergenze parallele. Un contributo di Marco dal carcere di Alessandria
Dal fronte popolare al fronte civile
Monocultura 24 ore
Tutta la verità…
Considerazioni sulle gabbie della democrazia
L’insostenibile pesantezza dell’essere scientifico
I sogni di prigionia e la prigionia dei sogni
Infiniti occhi
Stupratore e padrone
Contro l’anarchismo di Stato
La nascita dello Stato
Quale internazionale? Intervista e dialogo con Alfredo Cospito dal carcere di Ferrara. Prima parte
I Nuovi Mostri: l’anarchismo “sociale ma non classista”
Una storia sinistra. Seconda parte (1943 – 1962)
La pacchia è finita
Una copia: 2,00 euro. Per la distribuzione, a partire da almeno cinque copie: 1,50 a copia. Spese di spedizione: 1,30 (fino a 2 kg). Spese di spedizione in Europa. 5,00 euro approssimativamente. Gratis per le persone prigioniere.
Per richieste di copie, per contatti, riflessioni e critiche, e per spedire materiale potenzialmente interessante per la redazione del giornale fare riferimento alla e-mail: vetriolo[at]autistici.org

Comments are closed.